New Frontiers

  •  
  •  
  •  
  •  

Successo, sopravvivenza, narcisismo: la riaffermazione dell’umano

Oltrevisibile Summer Tour 2020

DAL 17 LUGLIO FINO AL 15 AGOSTO

AMELIA & DINTORNI

Dove inizia e dove termina il potere? Qual è il confine tra l’etica professionale e il diritto di cronaca? Fino a che punto ci può portare l’allucinazione del successo? Queste sono le domande che scorrono dietro le immagini de Lo sciacallo – Nightcrawler (2014), film che racconta del progressivo e inarrestabile delirio di Lou Bloom che da reporter improvvisato si trasforma in un vero professionista senza scrupoli.

In un mondo altamente condiviso come quello in cui viviamo, Lo sciacallo – Nightcrawler si pone come un avvertimento, mostrando non solo la degenerazione di alcune tendenze, ma anche la facilità con cui essa si presenta e alletta più o meno tutti.

In questo senso, si rimette al singolo la capacità di scegliere il giusto e sbagliato, di sapere quale sia il limite tra le proprie aspirazioni e il bene comune. In un mondo in cui tutto è freneticamente ostentato prima di essere ponderato, lo sciacallaggio delle immagini diventa una professione (e anche piuttosto redditizia) finendo col porre il legittimo dubbio su quali debbano essere i criteri di legittimità dell’informazione e di giustizia delle fonti.

Più che un semplice film, un “nightshot” agghiacciante e illuminante, che in maniera franca e senza troppi giri di parole (proprio come le stesse immagini inseguite e catturate dagli “sciacalli”…) ci mette di fronte alla più cruda delle equazioni, che converte crimini e vittime in dollari e centesimi.

È, soprattutto, il ritratto allarmante di un uomo-massa con la testa imbottita dei miti del successo e corrotto dalla egemone cultura del narcisismo.

Per poi arrivare su Marte con Sopravvissuto – The Martian (2015). La lunga tradizione di film sul pianeta rosso viene rotta da questa perla di origine scottiana, dove la sopravvivenza è fatta di gioie e dolori, dalla felicità per la nascita delle prime patate alla disperazione di dover razionare il cibo dopo l’esplosione di una parte del modulo spaziale.

Marte è la nuova frontiera, certo, e la questione è in fondo sempre la stessa: riportiamoli a casa, salviamo il soldato Matt.

Marte è in realtà la nuova frontiera del racconto, è la riaffermazione dell’umano laddove di uomini non ce ne sono mai stati. E visto che andarci a vivere per ora è impossibile, il discorso non può che essere rivolto verso l’interno, verso la Terra e questo mondo, per ritrovare nella dimensione del racconto quel desiderio di scoperta, quei nuovi sguardi e nuovi linguaggi ormai preclusi a chiunque.

E se dal riso al pianto il passo è breve, allora Matt Damon riassume in sé tutta la virtù dell’uomo saggio e previdente, stringendo forte il detto la calma è la virtù dei forti. La lucidità delle sue azioni è quasi divina tanto da coinvolgere lo spettatore nelle sue emozioni, che siano tristi o che siano felici.

Sopravvissuto – The Martian si rivela quindi per ciò che è, un prezioso e aulico stradivari che risuona la sua angelica melodia nel pauroso buio spaziale, riempiendo con quegli accessi aranci marziani il vuoto creato nell’animo del protagonista. Un film da vedere e rivedere fino a colorare di rosso i nostri pensieri.

Questa volta saremo ospiti de Il Giardino delle meraviglie! Un centro olistico specializzato nel proporre discipline orientali e occidentali, antiche e moderne per liberare la mente, rilassare il corpo, rinvigorire lo spirito.

Nella sua sede di Montecampano di Amelia, a solo un’ora da Roma, è un’oasi di pace immersa nel cuore verde dell’Umbria e luogo ideale per seguire corsi e seminari di crescita personale organizzati direttamente dal centro. Info: http://www.giardinomeraviglie.it/il-centro/

POSTI LIMITATI. PRENOTAZIONE SCRIVENDO A: INFO@OLTREILVISIBILE.IT – WHATSAPP: 3291244550 – Telefono: 335.6643797

+++++++++++++++

IL PROGRAMMA

Cinema in Giardino – Parte V

Montecampano – Amelia (TR)

Arena IL GIARDINO DELLE MERAVIGLIE

Strada del Cimitero di Montecampano, 45

venerdì 14 agosto – ore 21.15

LO SCIACALLO – THE NIGHTCRAWLER

Regia di Dan Gilroy

Con Jake Gyllenhaal, Rene Russo, Bill Paxton, Riz Ahmed, Kevin Rahm, Ann Cusack

USA, 2014, durata 117 min. – V.M. 14 – v.o.sott.it.

Nell’attesa di trovare un lavoro che gli dia la possibilità di emergere, Lou si guadagna da vivere rubando. Quando vede dei reporter free-lance in azione sul luogo di un incidente decide di intraprendere quella carriera e iniziare così la sua scalata verso il successo al soldo di una produttrice che intuisce il suo potenziale e gli chiede sempre di più. Se fatti cruenti e sanguinosi non accadono, basta farli accadere.

“Ottimo esordio per Gilroy, che sceglie di mostrarci il lato più cinico e meschino del mito americano in chiave moderna, ponendo al centro della vicenda un ragazzo venuto dal nulla (strepitoso Gyllenhaal), con un passato di disprezzi e umiliazioni, che si accultura su internet e impara tutto e in fretta. Non c’è analisi del passato, delle cause, Lou sembra essere semplicemente figlio della società odierna: ingannevole, amorale, cinica. Eccellente fotografia di Robert Elswit. Ottima anche la colonna sonora di James Newton Howard”. Il Morandini

Il mio motto è “vuoi vincere la lotteria? Trova i soldi per comprare il biglietto”

Lou Bloom (Jake Gyllenhaal)

———————

sabato 15 agosto – ore 21.15

SOPRAVVISSUTO – THE MARTIAN

Regia di Ridley Scott

Con Matt Damon, Jessica Chastain, Kristen Wiig, Mackenzie Davis, Kate Mara, Jeff Daniels

USA, 2015, durata 130 min. – v.o.sott.it.

Durante una missione con equipaggio su Marte, l’astronauta Mark Watney viene abbandonato dopo una violenta tempesta di sabbia perché ritenuto morto. Ma Watney è sopravvissuto e si ritrova da solo sul pianeta ostile. Con pochi rifornimenti, deve attingere al suo ingegno, all’arguzia e allo spirito di sopravvivenza per trovare un modo per segnalare a terra che egli è vivo.

Il film ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Golden Globe per il miglior film commedia o musicale, e sette candidature ai premi Oscar 2016 come: miglior film, miglior attore protagonista, migliore sceneggiatura non originale, miglior scenografia, migliori effetti speciali, miglior sonoro e miglior montaggio sonoro.

In ogni essere umano c’è l’istinto primordiale di aiutare il prossimo. Se un escursionista si perde tra le montagne, verranno organizzate delle ricerche, se un terremoto distrugge una città, arriveranno rifornimenti di emergenza da tutto il mondo… questo istinto è presente in ogni cultura, senza alcuna eccezione!

Mark Watney (Matt Damon)

++++++++++++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2020 e sottoscrizione

  •  
  •  
  •  
  •