QUELLO CHE NON SO DI LORO

  •  
  •  
  •  
  •  

LE MISTERIOSE E SPETTRALI ASSISTENTI DI ASSAYAS E POLANSKI

TRE FILM, TRE RUOLI FEMMINILI, UN UNICO GRANDE PERSONAGGIO CHE PER I DUE REGISTI DIVENTA UNA FINESTRA APERTA SUL MONDO

Un’ideale trilogia di lettura delle metamorfosi, delle nevrosi e delle incertezze dell’oggi, attraverso un personaggio comune, ovvero una giovane e fantasmatica assistente, defilata e misteriosa, che sorge a mappatura della complessità del reale.

Il senso di vertigine e disorientamento è forse la sensazione più pungente trasmessa dal gioco di riverberi, doppi e fantasmi che i tre film imbastiscono tra limpidezza e inafferrabilità: il cielo può essere terso come quello di Sils Maria o cupo come quello della Parigi glaciale e livida di Personal Shopper e Quello che non so di lei, ma la risposta da ricercare non può che essere interiore, e per questo diventa ancora più inquietante.

Chi sono veramente Valentine, Maureen ed Elle? Entrambi i registi ne suggeriscono la natura impalpabile e addirittura fantasmatica, appartenente al regno del dubbio, del doppio, dei labirinti della psiche.

Non credo, sai, in cose reali, creature o quant’altro, sostanze che fluttuano attorno a noi. Credo però che tutti quanti noi viviamo con i nostri fantasmi. È qualcosa con cui tutti ci relazioniamo, perché “fantasma” designa il rapporto con le nostre memorie, il rapporto con il nostro subconscio. Olivier Assayas

Assayas e Polanski, a scanso di naufragi nell’inafferrabilità del presente, adottano lo sguardo di queste figure femminili subordinate come strumento di analisi del mondo, per rilevare, attraverso una mente più lucida in quanto marcata dalla distanza dalle cose e dall’alterità, ciò che non conosciamo e, grazie a loro, guidarci verso inedite e non concilianti risposte.

La materia è la grande illusione. La materia, cioè, si manifesta nella forma e la forma è un fantasma. Jack London, “Il vagabondo delle stelle”

+++++++++++++++

IL PROGRAMMA

AMELIA (TR)

Sala comunale F. Boccarini

P.zza Augusto Vera, 10

Venerdì 25 ottobre – ore 21.00

SILS MARIA

Regia di Olivier Assayas

Con Juliette Binoche, Kristen Stewart, Chloë Grace Moretz, Lars Eidinger, Johnny Flynn

Francia, 2014, durata 124 min. – v.o.sott.it.

All’attrice Maria Enders viene offerto di recitare in un revival della commedia che l’aveva resa famosa vent’anni prima. A quei tempi interpretava il ruolo di Sigrid, un’affascinante ragazza che spinge al suicidio il suo capo, Helena. Ma oggi le viene chiesto di cimentarsi proprio nel ruolo di quest’ultima.

Sils Maria è “un film sulla vita e della vita. Un film che appartiene alla vita, alle sue dinamiche e al diritto a conoscerla. Un film-vita, sull’esercizio della vita e sul bisogno di averla, possederla, anche a costo di perderla”. Pier Maria Bocchi, CineforumWeb

La pellicola è stata presentata in concorso alla 67ª edizione del Festival di Cannes il 23 maggio 2014. Premio César 2015: Migliore attrice non protagonista a Kristen Stewart.

Hai presente quella scena all’inizio del terzo atto dove mi dici di volertene andare e io mi metto in ginocchio e ti supplico di rimanere? Te ne vai via senza nemmeno guardarmi, come se nemmeno esistessi. Non potresti fermarti un secondo di più?

———————–

Sabato 26 ottobre – ore 21.00

QUELLO CHE NON SO DI LEI

Regia di Roman Polanski

 Con Emmanuelle Seigner, Eva Green, Vincent Perez, Damien Bonnard, Dominique Pinon

Francia, Belgio, Polonia, 2017, durata 110 min. – v.o.sott.it.

Dopo il successo del suo ultimo libro dedicato alla madre, la scrittrice Delphine attraversa un periodo non proprio facile. A complicarle l’esistenza è una ammiratrice il cui interesse rasenta l’ossessione: le sue lettere dal tono minatorio accusano la scrittrice di aver dato la sua famiglia in pasto al pubblico. A poco a poco, la relazione tra le due sarà profondamente segnata dalla personalità manipolatrice e predatoria della seconda, intenta a prendere il controllo sulla vita di Delphine.

Ma chi è davvero Leila? E cosa vuole realmente da Delphine?

Il film è basato sul romanzo Da una storia vera di Delphine de Vigan. Fuori concorso al 70 Festival di Cannes (2017). Co-sceneggiatore: Olivier Assayas.

Non siamo responsabili delle vite degli altri.

—————————-

Domenica 27 ottobre – ore 18.00

PERSONAL SHOPPER

Regia di Olivier Assayas

Con Kristen Stewart, Lars Eidinger, Anders Danielsen Lie, Nora von Waldstätten, Sigrid Bouaziz

Francia, 2016, durata 105 min. – v.o.sott.it.

Maureen è una giovane americana che a Parigi si mantiene lavorando come personal shopper della celebrità Kyra. Inoltre, Maureen ha la capacità psichica di comunicare con gli spiriti dei morti, come quello del fratello gemello Lewis, da poco defunto. Ben presto, comincia a ricevere messaggi ambigui provenienti da una fonte sconosciuta.

“È proprio qui che si trova la natura profonda del cinema di Assayas, la medesima che anima un film accettato quasi unanimemente come un capolavoro come Sils Maria”. MyMovies

Festival di Cannes 2016: Prix de la mise en scène – Candidatura per la Palma d’oro

Kyra appartiene all’alta società, non può fare le cose normali.

+++++++++++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2019 e sottoscrizione

  •  
  •  
  •  
  •