Happy Together

  •  
  •  
  •  
  •  

Over the rainbow: l’altra metà dell’amore

L’amore sboccia tra persone, non tra sessi. Perché porsi dei limiti?

David Leavitt

Basta omologazione. E basta equivalenza. Per resistere alla piegatura del gender su moduli largamente accettati dall’egemonia dei ruoli (qualcuno potrebbe definirla metrosessualità: a suo tempo, Mario Mieli parlava di eterochecche), proviamo a tornare a demarcare prepotentemente, a ispessire la disomogeneità.

Proviamo a rimisurare l’identità, a ri-registrarla, a rimetterla in proporzione. Rifacciamo dei distinguo, riconfiguriamo la disarmonia. Smarchiamo il sesso da un contesto dominante, e rinforziamo così il suo carattere originale di dissenso, di divergenza dal pensiero comune e dall’opinione tradizionalista.

Film per riconnetterci al sé come numero primo, una natura indivisibile e non conformabile, per esercitare la più intensa e formidabile rivoluzione possibile, quella dell’identità per l’identità.

Queering film, ovvero il cinema che torna a ridare autorità all’uomo in qualità di urgenza individuale (sì, urgente, perché ce n’è bisogno).

Iniziativa per Amelia Pride in occasione del mese mondiale dell’Orgoglio LGBT+

Amelia, 7-8 giugno: per INFO Pagina Facebook Amelia Pride

https://www.facebook.com/ameliapride2019/

Di per se stessa, l’omosessualità è limitante quanto l’eterosessualità: l’ideale sarebbe essere capaci di amare una donna o un uomo; indifferentemente, un essere umano, senza provare paura, limiti, od obblighi. Simone de Beauvoir

——————–

IL PROGRAMMA

AMELIA (TR)

BIBLIOTECA COMUNALE LUCIANO LAMA

SALA CONTI PALADINI

Largo Caduti delle Stragi di Nassiriya e Kabul, 1

Venerdì 7 giugno – ore 22.00

WEEKEND

Regia di Andrew Haigh

Con Tom Cullen, Chris New, Laura Freeman, Vauxhall Jermaine, Jonathan Race

Gran Bretagna, 2011, durata 96 min. – v.o.sott.it.

Russell conosce Glen in un locale e si risveglia al suo fianco la mattina dopo. Quella che sembra solo l’avventura di una notte si trasforma però in qualcosa di più: nell’arco del weekend i due arriveranno a condividere sentimenti, ricordi, paure e desideri, fino a scoprirsi all’inizio di un’imprevista e travolgente storia d’amore.

Premio Volunteer al Frameline 2011; Premio della Giuria all’Outfest 2011; Premio del pubblico all’SXSW 2011. British Independent Film Awards 2011: Miglior esordiente (Tom Cullen), Miglior produzione. London Critics Circle Film Awards 2012: miglior regista britannico esordiente. Dorian Awards 2012: Miglior film dell’anno, Miglior film a tematica LGBTQ dell’anno.

It’s about love and want and need, those human traits. Not about sexuality. (È sull’amore, e il desiderio, e il bisogno, quei tratti umani. Non sulla sessualità. Tom Cullen, Attitude, novembre 2011)

Sto cercando di ridisegnare la mia vita ma mi rubano sempre la matita!

———————-

Sabato 8 giugno – ore 20.30

Presentazione del libro

FREQUENTI IMPROBABILITÀ

di Alessandro Chiometti

(Tempesta Editore, 2018)

Insieme all’autore interviene Roberta Boccacci, artista

«Ma tu cosa vuoi?». «Io? Niente! Sono venuto a farti compagnia, non cominciavi a soffrire di solitudine dopo quattro anni?». «Se devo dire il vero, stavo meglio prima, senza sapere cosa mi era successo». «Ma tu lo sapevi! Non potevi non saperlo: è successo a te!». «Va bene, allora stavo meglio senza ricordarmelo, ok?». «D’accordo, non ti arrabbiare». «Ti rifaccio la domanda: cosa vuoi?». «Ancora una volta non è la domanda giusta, Tony». «Perché sei qui?». «Qui dove?». «Qui!».

Alessandro Chiometti, classe 1972, perito chimico, studi di tossicologia lasciati a quattro esami dalla laurea, lavora nel campo della protezione ambientale. È presidente dell’Associazione culturale Civiltà Laica.

Scrivere è sempre stata per lui una piacevole abitudine condivisa fra pochi amici, fino a quando qualcuno si è accorto dei suoi racconti e così sono venuti alla luce Konka – prove di fuga e resistenza (Dalia Edizioni), noir ironico sulla provincia italiana e poi Il mastino di Darwin (Dalia Edizioni), thriller gotico che riscrive il filone dei vampiri con una visione scientifica dell’evoluzione biologica supportata anche dalla postfazione di Telmo Pievani.

Vincitore di concorsi letterari e pubblicato in diverse riviste grazie ai suoi racconti brevi, in questa raccolta invita i lettori a seguirlo su diversi temi. Come se fossero piccoli viaggi ognuno con una destinazione diversa.

A seguire – ore 21.30

TUO, SIMON

Regia di Greg Berlanti

 Con Nick Robinson, Katherine Langford, Jennifer Garner, Alexandra Shipp, Josh Duhamel

USA, 2018, durata 109 min. – v.o.sott.it.

Il diciassettenne Simon Spier ha una vita normale, una famiglia che adora e degli amici straordinari ma custodisce un segreto: nessuno sa che è gay. Simon non ha nemmeno il coraggio di dirlo alla famiglia finché non inizia un appassionante scambio di mail con un compagno di scuola che rimane anonimo. Quando il suo segreto rischia di essere rivelato, la vita di Simon diventa un’avventura in cui il sorriso si alterna con la preoccupazione.

“Un film come Tuo, Simon costituisce una novità totale”. Gabriele Niola, https://www.badtaste.it

“La nuova commedia drammatica di Greg Berlanti, tratta dall’omonimo romanzo Love, Simon di Becky Albertalli è una divertente e commovente storia adolescenziale su quell’eccitante fase della vita in cui si ricerca se stessi e si scopre per la prima volta l’amore”. Overview, Francesca Ferri

2018 – Teen Choice Awards: Miglior film commedia, Miglior stella emergente in un film a Nick Robinson.

A volte mi sento bloccato su una ruota panoramica. Un attimo prima sono in cima al mondo, quello dopo negli abissi. Continuamente, tutto il giorno. Questo perché gran parte della mia vita è fantastica. Ma nessuno sa che sono gaySimon Spier (Nick Robinson)

++++++++++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2019 e sottoscrizione
Graph. Roberta Boccacci

+++++++++++++++++

IL PROGRAMMA COMPLETO DELL’INIZIATIVA


  •  
  •  
  •  
  •