Kiss Me Film

  •  
  •  
  •  
  • 6

1000 sfumature di cinema, amore e… rock ‘n roll!!!

Siamo angeli con un’ala soltanto e possiamo volare solo restando abbracciati. Anonimo

“Due cose ci salvano nella vita: amare e ridere. Se ne avete una va bene. Se le avete tutte e due siete invincibili” afferma lo scrittore indiano Tarun Tejpal a proposito dell’amore.

E l’amore è davvero una forza e una energia, a volte (s)misurata, quasi sempre istintiva e irrazionale, che riesce a dare un senso profondo alla nostra vita.

Sull’amore (in sanscrito “a-more”, ciò che non muore) sono stati scritti libri, trattati, enciclopedie (il primo in assoluto fu il Simposio di Platone): tema letterario inesauribile, gli amori (folli) basterebbero a giustificare l’esistenza stessa del cinema.

Ogni persona, ci comunicano i film di questa rassegna, è un costante tentativo di negoziare tra riflessioni assolute e particolari, ogni strada è la ricerca di un “noi” da trovare fra coloro che incontriamo, che incrociamo talvolta per un solo istante osservandoli dal finestrino del viaggio.

Abbiamo selezionato opere che arrivano con difficoltà al grande pubblico ma lasciano un segno profondo in coloro che hanno la fortuna di incontrarle sul proprio cammino: film teneri e poetici, da tenere stretti sul cuore finché non si sciolgono.

Il bisogno di relazione non ha parole giuste o sbagliate, gesti appropriati o meno, non ha un copione da rispettare: nessuno è davvero solo se si apre allo sguardo dell’altro.

Poiché risveglia in ciascuno di noi un desiderio insopprimibile di sentimenti assoluti, il cinema accende ancora oggi la nostra voglia di dichiarare a chi dovremmo, o non dovremmo, ti amo alla follia!

Tu mi ricordi una poesia che non riesco

a ricordare

una canzone che non è mai esistita

e un posto in cui non devo essere

mai stato.

(Efraim Medina Reyes)

+++++++++++++

Rassegna – Parte I

Amelia (TR)

Sala comunale F. Boccarini

P.zza Augusto Vera, 10

Venerdì 15 febbraio – ore 21.00

Me and You and Everyone We Know

Regia di Miranda July

Con John Hawkes, Miranda July, Miles Thompson, Brandon Ratcliff, Carlie Westerman, Natasha Slayton, Najarra Townsend, Hector Elias

 USA, Gran Bretagna, 2005, durata 90 min. – v.o.sott.it.

Richard Swersey, un commerciante di scarpe nuovamente single e padre di due ragazzini, è pronto ad affrontare qualunque cosa strana possa accadere. Ma quando incontra l’affascinante Christine, entra nel panico. La vita non è così contorta per Robby, il figlio di sette anni di Richard, che intrattiene una scabrosa storia d’amore con un estraneo su internet, e per suo fratello Peter di quattordici anni che riceve denaro dalle ragazze del vicinato per prepararle al loro futuro amoroso e matrimoniale.

Il film ha vinto il Caméra d’or al Festival di Cannes 2005. È stato proiettato in anteprima al Sundance Film Festival 2005 dove ha ricevuto un Premio Speciale della Giuria.

Oddio, a quella bambina toccherà vedere tutto! Ma almeno lo sa, almeno condividiamo tutti questo momento! Christine Jesperson (Miranda July)

————————

Sabato 16 febbraio – ore 21.00

A Star Is Born

Regia di Bradley Cooper

 Con Bradley Cooper, Lady GaGa, Sam Elliott, Andrew Dice Clay, Anthony Ramos, Bonnie Somerville

USA, 2018, durata 135 min. – v.o.sott.it.

Ally fa la cameriera di giorno e si esibisce come cantante il venerdì sera, durante l’appuntamento en travesti del pub locale. È lì che incontra per la prima volta Jackson Maine, star del rock, di passaggio per un rifornimento di gin. E siccome nella vita di Jack un super alcolico tira l’altro, dalla più giovane età, i due proseguono insieme la serata e Ally si ritrova a prendere a pugni un uomo grande il doppio di lei, reo di essersi comportato da fan molesto. La favola di lei comincia quando lui la invita sul palco, rivelando il suo talento al mondo, poi sarà con le sue mani che scalerà le classifiche, mentre la carriera e la tenuta fisica e psicologica di lui rotolano nella direzione opposta, seguendo una china oramai inarrestabile.

La pellicola è un remake del film È nata una stella, diretto nel 1937 da William A. Wellman e si tratta del terzo rifacimento dopo il musical del 1954 e il musical rock del 1976.

Il film è stato inserito dall’American Film Institute tra i dieci migliori film del 2018 ed ha ricevuto 8 candidature ai Premi Oscar 2019, incluse quelle per miglior film, miglior attore protagonista a Bradley Cooper e migliore attrice protagonista a Lady Gaga.

Diciamo che in pratica tutti mi dicono la stessa cosa: mi piace la tua voce ma non mi piace il tuo aspetto. Ally (Lady GaGa)

——————–

Domenica 17 febbraio – ore 18.00

(500) Giorni insieme

Regia di Marc Webb

Con Zooey Deschanel, Joseph Gordon-Levitt, Clark Gregg, Minka Kelly, Matthew Gray Gubler

USA, 2009, durata 96 min. – v.o.sott.it.

Tom è un ragazzo che crede ancora, nonostante il cinismo del mondo moderno, all’idea dell’amore predestinato che cambia tutto, al colpo di fulmine che capita una sola volta nella vita. Sole invece no. Per niente. Ma ciò non ferma Tom, che continua a correrle dietro ancora e ancora, come un moderno Don Chisciotte, con tutta la forza e il coraggio che ha. Tom s’innamora perdutamente non solo di una ragazza adorabile, intelligente e brillante – non che ciò gli dispiaccia – ma con l’idea stessa di Sole, l’idea stessa di un amore che ha il potere di far sussultare il cuore e fermare il mondo.

2009 – National Board of Review of Motion Pictures: Miglior regista esordiente a Marc Webb; 2009 – Satellite Award: Migliore sceneggiatura originale a Scott Neustadter e Michael H. Weber; 2010 – Independent Spirit Awards: Miglior sceneggiatura a Scott Neustadter e Michael H. Weber

Colora la mia vita con il caos dell’inquietudine. Sole

———————

Rassegna – Parte II

Venerdì 22 febbraio – ore 21.00

Espiazione

Regia di Joe Wright

 Con Keira Knightley, James McAvoy, Romola Garai, Brenda Blethyn, Vanessa Redgrave

 Gran Bretagna, 2007, durata 123 min. – v.o.sott.it.

Dal romanzo di Ian McEwan. Inghilterra, 1935, è il giorno più caldo dell’anno. Briony Tallis e la sua famiglia conducono una vita agiata, all’interno della loro enorme villa gotico-vittoriana. Nel corso di un lungo weekend in cui la famiglia si riunisce sotto lo stesso tetto, il caldo asfissiante e le emozioni a lungo represse concorrono a creare un clima di minaccia e pericolo. Briony è una scrittrice alle prime armi, dotata di una vivida immaginazione. Attraverso una serie di catastrofici fraintendimenti, la ragazza accusa Robbie Turner, il figlio della governante nonché amante di sua sorella Cecilia, di un crimine che in realtà non ha mai commesso. Questa accusa distruggerà Robbie e il suo amore con Cecilia, alterando tragicamente il corso della vita di ognuno di loro.

È stato scelto per aprire la 64ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia il 29 agosto 2007, partecipando come film in concorso, facendo così di Joe Wright il più giovane regista ad inaugurare tale evento. Il film ha ricevuto 7 nomination agli Oscar 2008, vincendo il premio per la Miglior Colonna Sonora grazie al compositore pisano Dario Marianelli.

Ti amo, torna da me, torna da me… Cecilia Tallis 

————————

Sabato 23 febbraio – ore 21.00

Tutto può cambiare

Regia di John Carney

Con Keira Knightley, Mark Ruffalo, Adam Levine, Hailee Steinfeld, James Corden

USA, 2013, durata 104 min. – v.o.sott.it.

Greta (Keira Knightley) e il suo storico fidanzato Dave (Adam Levine) si conoscono fin dai tempi del college e suonano insieme. Quando lui ottiene un contratto discografico da una major partono insieme alla volta di New York. Il rapido e travolgente successo porta, però, Dave ad allontanarsi da Greta, che si ritrova così sola e infelice, con una vita da ricostruire. La svolta per lei arriva per caso, quando Dan (Mark Ruffalo), dirigente di un’etichetta musicale caduto in disgrazia, la sente cantare in un locale dell’East Village e viene conquistato dal suo talento. Questo fortunato incontro da inizio a una reciproca collaborazione che trasforma le vite dei protagonisti, sullo sfondo di una indimenticabile estate newyorkese

Presentato al Toronto International Film Festival. Candidato all’Oscar 2015 per la miglior canzone originale (“Lost Stars”).

È pazzesco quando le cose non ti interessano affatto vinci sempre la mano. Greta 

————————

Domenica 24 febbraio – ore 18.00

Beginners

Regia di Mike Mills

 Con Catherine McGoohan, Terry Walters, Keegan Boos, Goran Visnjic, Ewan McGregor

 USA, 2011,durata 105 min. – v.o.sott.it.

Hal Fields (Christopher Plummer), padre settantenne di Oliver (Ewan McGregor), dopo la morte della moglie, confessa al figlio di essere omosessuale e gli dichiara l’intenzione di voler esplorare questo aspetto della sua natura tenuto fino a quel momento segreto e represso. Quattro anni dopo, Hal muore e lascia il figlio Oliver, ormai quasi quarantenne, in piena solitudine e sconforto. Oliver sembra rinchiudersi in se stesso, nel pianto e nel ricordo dei genitori scomparsi, fino a quando non incontra Anna (Mélanie Laurent), una giovane donna di origine francese, di cui si innamora. L’incontro con Anna permette all’uomo di superare i limiti che le disastrose relazioni precedenti gli avevano imposto e di scoprirsi molto simile a quel padre che aveva passato gli ultimi anni della sua vita tra follie e gioia di vita, tra divertimento e commozione.

Presentato in anteprima al Toronto International Film Festival del 2010, il film si ispira ad eventi reali della vita di Mills, quando suo padre, all’età di 75 anni, fece coming out, cinque anni prima della sua morte. Miglior attore non protagonista a Christopher Plummer ai Premi Oscar 2012.

…questo è il 2003 e questo è il sole e le stelle e la natura. Questo è il presidente e questo è il sole nel 1955 e le stelle e la natura. Le macchine, i telefoni e i film e il presidente. Gli animali erano così… i fuochi d’artificio. Si fumava cosi. La gente era cosi quando si baciava, quando era felice, quando era triste. I miei si sono sposati nel 1955. Lui era direttore di un museo e lei ristrutturava vecchie case. Hanno avuto un figlio e sono stati insieme per 44 anni finché lei è morta nel loro letto dopo quattro mesi di cancro, mangiando french toast ad ogni pasto e guardando tutti i giorni i Teletubbies e confondendo le cannucce bianche per sigarette e saltando avanti e indietro nel tempo con la mente. Sei mesi dopo mio padre mi ha detto che era gay. Aveva appena compiuto 75 anni. Ricordo che aveva una maglia prugna quando me l’ha detto… ma in realtà aveva una vestaglia…!” (Ewan McGregor)

++++++++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2019 e sottoscrizione
Graph. Luigia Stefanucci

++++++++++++++

Pensare che non l’ho, sentire che l’ho perduta.

Sentire la notte immensa, più immensa senza di lei.

Pablo Neruda

+

L’amore è cieco, e gli amanti non vedono le amabili follie cui s’abbandonano.

William Shakespeare, Il mercante di Venezia

+

 Non erano le mie labbra che hai baciato; ma la mia anima.

Judy Garland


  •  
  •  
  •  
  • 6