Get Out of My Life

  •  
  •  
  •  
  • 4

Gli adolescenti nel cinema: preparing for the real world

L’adolescente, e il suo desiderio di essere contemporaneamente come tutti gli altri e come nessun altro. (Jacques Drillon)

Naufraghi in un mare di ostacoli senza una stabilità emotiva che li traghetti attraverso quella delicata fase di trasformazione fisica chiamata adolescenza… L’amore, l’amicizia, il bullismo, la discriminazione, l’omofobia…

Sei film (condensati in due fine settimana) con lo scopo di stimolare riflessioni su questo complesso periodo: con il supporto di tante professionalità nel campo, l’obiettivo è quello di affrontare i molteplici aspetti dell’adolescenza – periodo critico della formazione della propria identità – e del ruolo di genitori, chiamati a offrire modelli di educazione, regole e norme morali.

L’adolescente sembra continuamente coinvolto in una lotta senza quartiere tra autarchia psichica (“io non ho bisogno di nessuno”) e dipendenza totale dall’adulto. Il gruppo dei pari è invece, spesso, sperimentato dal giovane come “terra promessa” dove non esistono il conflitto e la sofferenza impliciti in ogni momento di crescita psicologica.

In un’epoca storica come la nostra, contrassegnata da precarietà e tensioni sociali molto accese, il disagio giovanile sembra, inoltre, sempre più diventare la spia di una crisi più generalizzata che investe soprattutto il “mondo degli adulti”.

Lo scopo è quello di offrire uno spazio di riflessione attraverso il cinema, con l’aiuto di tanti esperti di varie discipline, proponendo storie che hanno come protagonisti proprio loro, i nostri ragazzi, per dare loro la possibilità di identificarsi.

L’invito è quello di intraprendere insieme (a loro) un percorso di educazione all’immagine finalizzato alla costruzione di una coscienza critica, in grado di formulare un giudizio consapevole sulla vita… o perlomeno ci proviamo!

Un ragazzo è, di tutte le bestie selvagge, la più difficile da trattare. (Platone)

Amelia (TR)

Sala comunale F. Boccarini

P.zza Augusto Vera, 10

Rassegna Parte I

Venerdì 4 maggio – ore 21.00

NOI SIAMO INFINITO

Regia di Stephen Chbosky

Con Logan Lerman, Emma Watson, Ezra Miller, Mae Whitman, Kate Walsh, Dylan McDermott

durata 103 min. – USA, 2012 – v.o.sott.it.

Interviene Maurizio Bechi Gabrielli, psicologo

Tratto da un romanzo diventato un cult generazionale (“Ragazzo da parete”), il film, diretto dallo stesso autore Stephen Chbosky, si incentra sul difficile percorso di crescita di Charlie, adolescente intelligente e insicuro, segnato da un passato doloroso.

“Una storia delicata e profonda sulle difficoltà dell’adolescenza.” (Carola Proto)

“Emma Watson, Logan Lerman ed Ezra Miller sono il trio perfetto per un ritratto d’adolescenza sincero e toccante”. (Simona Santoni, Panorama)

Presentato al Toronto International Film Festival l’8 settembre 2012.

Maurizio Bechi Gabrielli è Dirigente Psicologo della USL Umbria 2. Responsabile del Centro “Sagittario” per il Disagio Psichico Giovanile del CSM di Terni, rivolto ad adolescenti e giovani adulti.

—————-

Sabato 5 maggio – ore 21.00

THE EDGE OF SEVENTEEN

Regia di Kelly Fremon

Con Hailee Steinfeld, Woody Harrelson, Kyra Sedgwick, Haley Lu Richardson, Blake Jenner

durata 104 minuti – USA, 2016 – v.o.sott.it.

Interviene Mauro Pacini, psicologo

Due adolescenti sono amiche per la pelle ma quando una di loro comincia a frequentare il fratello dell’altra, le cose non saranno più come prima.

“Un Coming of Age che guarda alla stagione dei film di John Hughes e descrive l’adolescenza con leggera profondità”. (MyMovies)

Presentato al Toronto International Film Festival il 16 settembre 2016.

Mauro Pacini, neuropsichiatra infantile e dell’Età evolutiva USL Umbria 2, è psicoterapeuta transpersonale, facilitatore costellazioni familiari e gruppo analista.

—————–

Domenica 6 maggio – ore 18.00

STAND BY ME – RICORDO DI UN’ESTATE

Regia di Rob Reiner

 Con River Phoenix, Wil Wheaton, Corey Feldman, Kiefer Sutherland, Richard Dreyfuss

 durata 89 min. – USA, 1986 – v.o.sott.it.

Interviene Albano Grilli, psicologo

Tratto dal racconto The Body di Stephen King, il film racconta un’estate molto particolare, quella del 1960. In una cittadina di provincia, Castle Rock, quattro amici si incontrano spesso nel loro nascondiglio: una casa sull’albero, dove di nascosto giocano a carte, fumano e guardano i giornaletti proibiti. La quotidianità viene inaspettatamente sconvolta dalla notizia che un loro coetaneo è scomparso all’interno del bosco…

“Il racconto di un viaggio iniziatico che porta i quattro protagonisti dall’infanzia all’adolescenza. Uno dei film più belli sull’adolescenza degli anni ’80.” (MyMovies)

Ragazzi, vi va di vedere un cadavere?

Albano Grilli, presidente del consiglio di amministrazione Cipss Coop Sociale (www.cipss.org), dal 2001 coordinatore della comunità educativa Bethel di Amelia, che nel corso degli anni ha dato accoglienza diversi minori vittime di abuso e maltrattamento, per lo più adolescenti, collocati temporaneamente fuori dalla famiglia di origine con decreto del Tribunale dei Minori dell’Umbria.

+++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2018 e sottoscrizione
Graph: Roberta Boccacci

+++++++++

Rassegna Parte II

Venerdì 11 maggio – ore 21.00

QUEL FANTASTICO PEGGIOR ANNO DELLA MIA VITA

Regia di Alfonso Gomez-Rejon

Con Thomas Mann, RJ Cyler, Olivia Cooke, Nick Offerman, Connie Britton, Bobb’e J. Thompson

durata 104 min. – USA, 2015 – v.o.sott.it.

La storia divertente e commovente di Greg, un liceale che cerca di mimetizzarsi evitando relazioni profonde, come strategia di sopravvivenza in quel campo minato che è la vita sociale dei teenagers. Ma quando sua madre (Connie Britton) insiste  affinché lui passi del tempo con Rachel, una compagna di scuola recentemente colpita da un cancro, Greg scopre pian piano quanto valore può avere un vero legame di amicizia.

Basato sull’omonimo romanzo di Jesse Andrews, il film ha vinto il premio del pubblico e il gran premio della giuria al Sundance Film Festival 2015.

—————-

Sabato 12 maggio – ore 21.00

UN BACIO

Regia di Ivan Cotroneo

Con Rimau Grillo Ritzberger, Valentina Romani, Leonardo Pazzagli, Thomas Trabacchi, Susy Laude

durata 101 min. – Italia, 2016

Interviene Silvia Bombara, insegnante

Un bacio è un film sull’adolescenza, sulle prime volte, sulla ricerca della felicità. Ma anche sul bullismo e sull’omofobia. Sui modelli e sugli schemi che ci impediscono, e che impediscono soprattutto ai ragazzi, di essere felici, di trovare la strada della loro singola, particolare, personale felicità.

Liberamente ispirato all’omonimo libro del regista, edito da Bompiani nel 2010.

2016 – Globo d’oro: Migliore sceneggiatura a Ivan Cotroneo e Monica Rametta; 2016 – Ciak d’oro: Ciak d’oro Alice/Giovani + Miglior fotografia a Luca Bigazzi; 2016 Festival di Annecy: Premio del pubblico.

Silvia Bombara, insegnante di lettere alla scuola media, ha un’esperienza di lavoro di 10 anni con bambini e adolescenti in contesti extrascolastici come soggiorni educativi in natura e laboratori pomeridiani in Umbria e a Napoli, anche in territori difficili come le scuole di Scampia. Si è formata alla Casa Laboratorio di Cenci. Madre di due figli adolescenti.

—————

Domenica 13 maggio – ore 18.00

IN UN MONDO MIGLIORE

Regia di Susanne Bier

Con Mikael Persbrandt, Trine Dyrholm, Ulrich Thomsen, Markus Rygaard, William Jøhnk Nielsen

 durata 113 min. – Danimarca, Svezia, 2010 – v.o.sott.it.

Interviene Stefania Tucci, psicologa e psicoterapeuta

Un’amicizia tra due adolescenti si trasforma in una pericolosa alleanza e in un inseguimento che mette in pericolo le loro stesse vite.

“Che cos’è, oggi, un buon padre? Non è una domanda da predica della domenica. È il cardine di ogni possibile discorso sul futuro delle nostre società. Quali che siano le nostre convinzioni religiose o morali. Che cosa deve fare (o non fare) dunque un padre per essere all’altezza del ruolo più in crisi d’Occidente?” (Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’, 10 dicembre 2010).

“Susanne Bier, non lo mettiamo in dubbio, è forse il talento nordeuropeo più interessante degli ultimi anni”. (Boris Sollazzo, ‘Liberazione’, 10 dicembre 2010)

Gran Premio della Giuria Marc’Aurelio e Premio Marc’Aurelio del Pubblico come Miglior Film alla V edizione del Festival Internazionale del Film di Roma (2010); Golden Globe 2011 come Miglior Film Straniero; Oscar 2011 come Miglior Film Straniero; Candidato al David di Donatello 2011 come Miglior Film dell’Unione Europea; Candidato al Nastro d’Argento 2011 come Miglior Film Europeo.

++++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2018 e sottoscrizione
Graph Roberta Boccacci

++++++++++

Ricorderai l’adolescenza come il periodo dalle emozioni più intense e dalle esperienze più vere. Un adolescente si butta con ogni cellula del suo corpo in quel che fa, se non altro perché è la prima volta. (Stephen Littleword)

+

Tutti circondati di mostri e di dèi, non si conosce la calma. Dei gesti compiuti in quegli anni, quasi non ve n’è uno che più tardi non vorremmo sopprimere, mentre ciò che invece dovremmo rimpiangere è di non possedere più la spontaneità che ce li faceva compiere. Più tardi si vedono le cose in modo più pratico, pienamente conforme a quello del resto della società, ma l’adolescenza è il solo tempo in cui si sia imparato qualcosa. (Marcel Proust)


  •  
  •  
  •  
  • 4

One thought on “Get Out of My Life

Comments are closed.