Temptation

  •  
  •  
  •  
  • 10

Il coraggio di esporsi: Sesso Emancipazione Libertà

Questa volta vogliamo raccontarvi di un importante elemento della vita di uomini e donne: il sesso! Con esso, in tante occasioni, si è raccontato di amore, di eccessi e di dipendenza. In tante altre occasioni il sesso con l’amore può divenire leit motiv di storie di emancipazione e libertà: dagli schemi, dalle oppressioni, dalle dipendenze, dalle discriminazioni e intolleranze.

È sempre rischioso fare paragoni tra film, specialmente quando il paragone si regge tra suggestioni o poco più, ma in questo caso il paragone potrebbe calzare: abbiamo selezionato tre film che focalizzeranno la vostra attenzione sul sesso e sul significato che esso ha assunto in tre storie di vita.

Irina Palm (2007): difficile dimenticare l’applauso che la Berlinale tributò a Sam Garbarski per questa commedia agrodolce e feroce con una meravigliosa Marianne Faithfull.

Film da vedere rigorosamente in ticket con Hysteria (2011), storia dell’invenzione del vibratore, con alla base il Freud-pensiero: “La teoria dei germi è solo una corbelleria.” Sigmund Freud in Tre saggi sulla teoria sessuale aveva le idee chiare sull’origine dell’isteria: “Il carattere isterico rivela un grado di rimozione sessuale che oltrepassa la misura normale, una intensificazione di quelle resistenze contro la pulsione sessuale che abbiamo imparato a conoscere sotto il nome di pudore, disgusto e morale, un rifuggire quasi istintivo dall’occupare l’intelletto con il problema sessuale.”

Infine Lars and the Real Girl (2007), film sulla paura delle relazioni e dell’interazione con l’altro sesso: la ricerca della verità su cosa significa essere adulti e la liberazione delle emozioni passa per gli oggetti, ma i sorrisi sono tutti reali, come quello di Margo (la bravissima Kelli Garner), la “real girl” che non ha occhi che per Lars.

Film con la capacità di coniugare e contrapporre allo stesso tempo il dolce e l’amaro dei sentimenti, la desolante difficoltà di comunicazione che c’è oggi tra le persone, l’ipocrisia delle relazioni e la fugacità dell’amore in tutte le sue forme e manifestazioni. Proprio l’amore, un sentimento in cui non si rischia più e che sempre più spesso viene temuto anziché inseguito.

Amelia (TR)

Sala comunale F. Boccarini

P.zza Augusto Vera, 10

Venerdì 16 marzo – ore 21.00

IRINA PALM

Un film di Sam Garbarski

Con Marianne Faithfull, Miki Manojlovic, Kevin Bishop, Siobhan Hewlett, Dorka Gryllus

durata 103 min. – Belgio, Lussemburgo, Gran Bretagna, Germania, Francia 2007 – v.o.sott.it.

Maggie, una vedova poco più che cinquantenne, ha un urgente bisogno di trovare il denaro necessario per la costosa operazione del nipotino malato. Mentre cammina per le strade di Londra, posa per caso lo sguardo su un cartello con la scritta “Cercasi Hostess” e, senza accorgersene, si ritrova in un sex club. Dopo aver chiarito che il termine “hostess” è solo un eufemismo, il proprietario del locale, Miki, le spiega che le sue mani delicate sarebbero perfette per il lavoro che aveva in mente.

Presentato in concorso al Festival internazionale del cinema di Berlino, interpretato da una matura Marianne Faithfull, ex modella negli anni ’60, nota per essere stata la compagna di Mick Jagger, e l’attore balcanico Miki Manojlović, noto per aver lavorato con registi come Emir Kusturica.

Io sono Irina Palm! Sono la migliore!

—————-

Sabato 17 marzo – ore 21.00

HYSTERIA

Un film di Tanya Wexler

Con Maggie Gyllenhaal, Hugh Dancy, Jonathan Pryce, Rupert Everett, Ashley Jense

 durata 100 min. – Gran Bretagna, Francia, Germania 2011 – v.o.sott.it.

In piena epoca vittoriana, un medico (Hugh Dancy) e un suo amico (Rupert Everett) si propongono di porre fine a quella che considerano una vera tragedia, l’isterismo femminile che, di punto in bianco, cambia l’umore delle donne con cui hanno a che fare, rendendole piene di rabbia, nevrotiche e spesso anche depresse senza alcuna ragione. Dopo essersi accorti degli effetti benefici ottenuti praticando dei massaggi pelvici sulle loro pazienti, decidono di mettere a punto un oggetto casualmente testato, che sconvolgerà la vita della società benpensante: il vibratore.

La regista Tanya Wexler, laureata in psicologia dei generi sessuali, è stata subito attratta dal soggetto presentatole dall’amica sceneggiatrice Jonah Lisa Dyer. Tuttavia la realizzazione del film è durata 7 anni a causa della difficoltà di trovare produttori e distributori.

È stato presentato in concorso alla 6ª edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.

Edmund: “Al telefono!”

Mortimer: “Alla regina!”

Edmund: “Alla regina chiamata al telefono!”

(Rupert Everett, Hugh Dancy)

————–

Domenica 18 marzo – ore 18.00

LARS AND THE REAL GIRL

Un film di Craig Gillespie

 Con Ryan Gosling, Emily Mortimer, Kelli Garner, Paul Schneider, Patricia Clarkson

durata 106 min. – USA 2007 – v.o.sott.it.

Lars Lindstrom vive in un freddo paesino del Wisconsin. Sociofobico e patologicamente timido, un giorno si presenta a casa del fratello dichiarando di aver trovato una fidanzata via internet, Bianca. Tutto normale, non fosse che la ragazza è una bambola di dimensioni umane. La famiglia e a breve l’intero villaggio finiranno per assecondare Lars nella sua follia, trattando Bianca come una ragazza reale…

Lievemente surreale, tragicomico e ben recitato da tutti gli attori, Lars and the Real Girl è un film imperdibile, una storia che fa ridere e piangere allo stesso tempo, uno dei tanti gioielli che ha impreziosito la 25ma edizione del Torino Film Festival (accaparrandosi il Premio del Pubblico).

Se non trovi la donna ideale, puoi sempre ordinarla. (Tagline del film)

+++++++++++++

NOTE

Ingresso con tessera OV 2018 e sottoscrizione
Graph Eleonora Piciucchi


  •  
  •  
  •  
  • 10