Italian Cinema: The End?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“A un popolo prima si toglie la libertà di sognare, poi tutte le altre”

un-immagine-del-film-di-me-cosa-ne-sai-di-valerio-jalongo-127863[1]

Negli ultimi 30 anni sono spariti milioni di spettatori: Inchiesta su un grande mistero italiano

Sale cinematografiche, vecchi proiezionisti girovaghi, registi dispersi… un appassionato viaggio attraverso l’Italia, un ritratto amoroso del cinema e del nostro paese che svela i retroscena di quella mutazione antropologica, anticipata a suo tempo da Pasolini, che ha cambiato il nostro modo di fare politica, cultura, informazione.

Amelia (TR)

Sala comunale F. Boccarini

P.zza Augusto Vera, 10

Venerdì 5 maggio – ore 21.00

DI ME COSA NE SAI

Un film di Valerio Jalongo

durata 78 min. – Italia 2008

hqdefault[1]

Fino agli anni Settanta il cinema italiano dominava la scena internazionale, arrivando perfino a fare concorrenza ad Hollywood. Poi, nel volgere di pochi anni, il rapido declino, la fuga dei nostri maggiori produttori, la crisi dei grandi registi-autori, il crollo della produzione.
Ma quali sono le vere cause e le circostanze di questo declino? Fu un caso o un piano preordinato che portò a smantellare la seconda industria cinematografica del mondo?

Nel cercare di dare una risposta a queste domande, “Di Me Cosa Ne Sai” tenta di raccontare questa grande mutazione culturale.

Iniziato come un’amorosa indagine sul cinema italiano, “Di me cosa ne sai” diventa così un docu-drama che alterna testimonianze dei protagonisti di allora a frammenti della vita culturale e politica degli ultimi trent’anni: un diario di viaggio che racconta l’Italia da nord a sud, attraverso sale cinematografiche e ragazzini teledipendenti, Berlusconi e Fellini, centri commerciali e direttori di telegiornale, storie di esercenti appassionati e registi che lottano per i propri film, testimonianze di proiezionisti girovaghi e di grandi registi europei…

Il film è stato presentato nella rassegna Giornate degli autori nell’ambito della 66ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia ricevendo una menzione speciale (Premio Fedic).

“Un documento struggente” Maurizio Porro – Il Corriere della Sera

Un processo creativo ha i suoi tempi, quindi quando hai fatto quello ad un certo punto devi partire perché se no ti passa la voglia, non ti va più…

———–

NOTE

Ingresso con tessera OV 2017 e sottoscrizione
Graph Roberta Boccacci

locITALIA


  •  
  •  
  •  
  •  
  •