OLTRE IL VISIBILE Associazione per la ricerca e la cultura attraverso il cinema e le altre forme artistiche

Cosa hanno appreso e accolto i contemporanei dal regista francese, a trent’anni dalla sua scomparsa

Il 21 ottobre 1984 moriva François Truffaut.

Regista di grande sensibilità e romanticismo, Truffaut è stato uno dei cardini del movimento cosiddetto della ‘Nouvelle Vague’ che in Francia, alla fine degli anni ’50, ruppe il conformismo e conservazionismo imperante della cinematografia nazionale per intraprendere una nuova creatività artistica, spesso povera di mezzi ma ricca di ispirazione, fondata su una rappresentazione realistica della società, se necessario trasgressiva anche nei costumi.

 


Iscriviti alla newsletter

Compilando il form sottostante invierai i dati per iscriverti alla newsletter.



Ho letto e accettato il trattamento dei dati ai fini della Privacy





Tag Cloud

vanya assassinio ultimo cuori sordomuta crudeltà sindaco libro gazzara gilmour balthazar bellocchio petrucciani rossitti ronet sociale boris germania lynch vittime musiciste primi nostalghia thriller rohmer miyazaki sara 2012 inglese polanski consapevolezza santamaria liberti umbria chomet petit contemporaneo collusioni programmazione cultura meditazione wenders tango cattani giovedì italy auteuil documentario lezione arancia vendruscolo sebring hofer chiave straub quadri rinvio haneke kaurismaki crisi tributo danzatrici segre doors kitano truffacuori noir incontro scatenato alzhaimer taylor culturale crialese locandina impegno dicembre natale 1980 denuncia donna concerto method truffaut giornata situazione commedia 1942 toro cantanti ozon dangerous lista pittrici 1973 ragazzi 2010 marsh retroscena artiste evento licenziata musicali terraferma shalla accoglienza immigrati burton kazan novembre banksy beatles tzameti pace estate prepotente mondiali storia mondiale coen affatato marzo cattiva aforismi tarkoskij 1978 femminile delaporte amelia cineclub tempo crespi taviani animazione diritti immaginari respiro selezione bimbi bruni jarmusch italia meccanica stratos marzabotto uomo sorrentino internazionale miracolo documentari sellers cortometraggi resistenza scorsese malle separazione 2013 esposizione braschi muto attrice johnson carnage milonga libri allibratore francia melodramma film perduti malick vita farhadi insegnante anno lanci risveglio poeta leconte solitudine woodstock penn stage kubrick pontecorvo cassavetes testimonianza godard inoche amanti amara documantari caché asino snoopy drammatica grandi gansel capolavori funanbolo agosto francese bimba resnais dramma riccio guédiguian haynes vignetta domenica azzurra cinese rivoluzione americano mobbing istallazione dicillo razzismo balla sottotitolo fotografe rifugiati strage voyeurismo melancholia paris anderson verrà estiva herzog nazismo canta apocalisse piccini restaurato perla cronenberg babluani omaggio freccia righetti comencini bambini cinema accedimenti serreau rabdomante bambino vivi morte cavalli fascismo guerra arena shine fotografia presentazione hitchcock ballo viaggio 2011 ricordi hana-bi amore dylan carné verità venezia amour performance suicidio luce truffa ottobre azione danza ubriaco stanza mississippi 1999 acqua cieca romanzo voce rassegna calabria scrittrici violenza corto virzì classe huillet hazanavicious condivisione hiroshima pittura pina associazione ferrara faust sentimenti venerdì monografica lettura tano tagore femminismo musicale autore sicilia musica labaki gennaio bresson mafia donne ricordo sokurov tati proiezione adolescenza cesare capolavoro terni bausch ricorrenza graffiti sabato lavoro notizia wadleigh rieducazione vauro ballerini patagonia olos